Fude Pen

Utagawa Kuniyoshi. Un esempio di uso di Yatate
Utagawa Kuniyoshi. Un esempio di uso dello yatate

 

Yatate 矢立
l’antenato della Fude Pen 筆ペン フデペン

Il nome yatate significa letteralmente “supporto per frecce” (ya 矢 freccia / tate 立 supporto).

Lo yatate è un attrezzo per scrittura a forma di pipa. In genere è composto da una parte cilindrica cava che contiene un pennellino, e a volte un tagliacarte, e a un’estremità si allarga formando uno scompartimento (sumitsubo 墨壺) che ospita del cotone imbevuto abbondantemente d’inchiostro.

La sua invenzione risale all’epoca Kamakura (1185-1333) e risponde alla necessità di avere sempre a disposizione uno strumento di scrittura pronto all’uso, senza dover portare con sé una barretta d’inchiostro (sumi 墨) e la pietra (suzuri 硯) per scioglierlo in acqua.

Yatate-3

Yatate-2

 

Yatate-1

 

 

 

 

Bruno Riva. Katakana in fudepen
Bruno Riva. Katakana in fude pen

Nel suo celebre Elogio dell’Ombra (In’ei Raisan 陰翳礼讃, 1935) Tanizaki Jun’ichirō scriveva “Supponiamo che inventori della penna stilografica siano stati un giapponese o un cinese dell’antichità; certamente all’estremità della stilografica vi sarebbe oggi un pennello, e non una punta metallica. Probabilmente, scivolerebbe dal serbatoio un inchiostro simile a quello di china, non il liquido blu che scende oggi. E, la carta occidentale mal convenendo al pennello, si produrrebbe industrialmente qualcosa di simile alla carta della nostra tradizione, una sorta di hanshi modificato. O forse, avremmo inventato una carta nuova, adatta tuttavia ai morbidi peli dei ‘pennelli stilografici’. Se carta, inchiostro, pennello si fossero sviluppati in questa forma originale, chi avrebbe prestato orecchio ai fautori di inchiostri blu e di punteruoli metallici? I partigiani dei caratteri occidentali non avrebbero trovato seguito, e tutti sarebbero ancora incantati dagli ideogrammi e dai kana. Ma non basta: forse non avremmo scimmiottato sino alla spudoratezza il pensiero occidentale; forse la nostra letteratura avrebbe percorso una strada sua propria, e originale. Così un oggetto di modesta apparenza, un mero articolo di cancelleria, può, nell’universo della cultura, ripercuotersi, con i suoi effetti, sin quasi all’infinito.”

 

Fude Pen 筆ペン フデペン
L’evoluzione moderna dello yatate è la fude pen: una penna con la punta a pennello, che permette al calligrafo di tracciare i caratteri con tutte le variazioni di pressione necessarie.

Citiamo questa descrizione dal sito della Pentel:

La Fude Pen nasce in Giappone come evoluzione del tradizionale pennello da calligrafia. Questo particolare strumento è caratterizzato da un serbatoio per contenere l’inchiostro, che costituisce la ricarica del pennello, e punta in setola o feltro in grado di creare diversi spessori del tratto a seconda della pressione e modalità d’uso.

Pentel è tra le maggiori produttrici di Fude Pen a livello mondiale, possiede infatti il brevetto del particolare sistema con serbatoio a spirale di erogazione del flusso di inchiostro. Le fude pen Pentel sono attualmente uno dei prodotti più utilizzati dai mangaka, i disegnatori manga, e apprezzati anche da illustratori, grafici e calligrafi.

Pentel offre una vasta gamma di Fude Pen con inchiostro a tinta o a pigmenti e svariate punte (fine, media e grande) le quali permettono di ottenere diversi  spessori della linea.

Questa caratteristica rende questi strumenti ideali per realizzare i particolari effetti, tipici ad esempio del disegno manga, come i tratti più sottili e spessi dei capelli oppure i riflessi.

pentel-catalogo-fudepen

Fude pen dal catalogo Pentel

1. Pocket Brush, penna con punta a pennello con inchiostro pigmento nero (GFKP)
2. Aquash Water Brush, pennello con serbatoio riempibile
3. Fude Pen non ricaricabile (XGF35)
4-5. Colour Brush, pennello con inchiostro base acqua colorato ricaricabile (GFL) disponibile in 18 colori

6. Fude Pen ricaricabile, inchiostro a tinta punta fine (XFL2F)
7.  Fude Pen ricaricabile, inchiostro a tinta punta larga (XFL2L)
8. Fude Pen ricaricabile, inchiostro a pigmento punta fine (XFP5F)
9. Fude Pen ricaricabile, inchiostro a pigmento punta media (XFP5M)

banner Pentel

 

Nella calligrafia la fude pen è sicuramente utile in molte occasioni per la comodità di trasporto e di uso: negli esempi seguenti la vediamo utilizzata per quaderni di appunti, per studio e per correzione, ma anche per vere e proprie opere calligrafiche e artistiche.

 

 

Bruno Riva, Katakana in fude pen
Bruno Riva, Katakana in fude pen

 


Facebookgoogle_plusredditpinterestlinkedinmail